Gianni Berardi

Pellettiere, modellista

Nato nel 1959 a Cave in provincia di Roma, incontra l’arte della lavorazione
del cuoio per caso in vacanza a Peschici nel Gargano, grazie a un amico
artigiano conosciuto in quell’estate all’età di 16 anni.
Rientrato a Roma inizia a produrre piccoli articoli come portatabacco,
portafogli e cinture.
In quel periodo esplode la moda della “ Tolfa”, la famosa borsa in cuoio
maremmana, di veloce lavorazione e cucita a macchina.
Da lì arriva l’ispirazione ed inizia la produzione di borse in cuoio riprese da
un’antica “Cacciatora ”: una borsa realizzata interamente a mano con
cuciture pesanti a vista.
Prende forma quindi una linea di borse e borsette di diversi modelli e misure.
Per alcuni anni va avanti questa passione amatoriale, che prosegue anche
durante il servizio di leva dove risulta un ottimo passatempo.
Nel 1981 la passione si concretizza: inizia a lavorare per un grande
laboratorio romano, prende dimestichezza con la prima macchina per cucire
e sviluppa le capacità di modellista.
Successivamente con l’esplosione della moda delle cinture in cuoio nasce
l’opportunità di lavorare per “El Charro” e vivere gli anni d’oro della pelletteria.
Passata questa moda inizia a sviluppare nuove idee e linee di prodotti per lo
sport e il tempo libero: articoli per la caccia, per le armi storiche e buffetteria
per il tiro con l’arco.
Collabora con la più grande fabbrica di armi antiche ad avancarica,
modellando e producendo per rievocazioni storiche e film articoli di foggia
antica per più di venti anni.
Oggi lavora anche come modellista e realizzatore di accessori in cuoio e pelle
per una delle più prestigiose ditte artigiane americane di produzione di archi
tradizionali su scala mondiale.
Un’esperienza di quarant’anni nel mondo dell’artigianato del cuoio, un’arte
stupenda, purtroppo sempre più considerata e apprezzata all’estero che nella
nostra Nazione.